Link Premium Recenti

G-Rent | Noleggio a Lungo Termine

PR: 2
G-Rent è una azienda gestita da professionisti con una lunga esperienza nel settore dell'automotive. Offriamo soluzioni personalizzate rivolte a privati ed aziende, per soddisfare tutte le esigenze di ...

Link Standard Recenti

G-Rent | Noleggio a Lungo Termine

PR: 2
G-Rent è una azienda gestita da professionisti con una lunga esperienza nel settore dell'automotive. Offriamo soluzioni personalizzate rivolte a privati ed aziende, per soddisfare tutte le esigenze di ...

Scambio Link Recenti

ALL FOR ALL SARL

PR: 0
Sviluppo e vendita di software gestionale, cataloghi e banche dati per il settore automotive. Dedicato ad autofficine meccaniche, elettriche, gommisti, ricambisti all'ingrosso e distributori ricambi ...
Si può dire che "Il Velocifero" sia nato dal barbiere, che era ed è Paolo Mazzocchi, coiffeur in Rimini Piazza Matteotti (già Castelfidardo). Davanti al suo negozio invariabilmente c'era una moto d'epoca. Per un appassionato come il sottoscritto, e per di più da poco residente a Rimini, quello era il negozio di barberia giusto. E così, alla prima occasione, entrai. E' noto a tutti come, dal barbiere, anche gli uomini amino parlare dei loro interessi, delle loro passioni, delle chimere che rincorrono o vorrebbero rincorrere. Dopo le prime discrete informazioni che il barbiere assunse fra una forbiciata e l'altra (si era subito accorto che non ero di Rimini dalla cadenza della parlata) il discorso cadde su Forlì, la "Forlì de mutor", il mondo di Arcangeli, di Bandini, e degli argomenti più cari al sottoscritto e certamente interessanti anche per il barbiere che mi confidò di possedere alcune moto d'epoca e di essere sulle tracce per recupererne altre ancora più interessanti. si trattava di Bianchi, Frera, Guzzi, Benelli, Gilera; tutti nomi gloriosi che hanno la capacità di evocare gesta gloriose e di fare ripercorrere mentalmente la storia del motociclismo italiano come pochi altri. Tuttavia anche il barbiere apprese che il sottoscritto possedeva diverse moto (una quindicina, che per i tempi, ultimi anni ' 60, erano tantissime), che ne aveva restaurata qualcuna, che aveva partecipato a qualche raduno, timidamente, in quanto allora erano organizzati misti auto e moto, finendo invariabilmente per prevalere le prime. Qualche altra seduta dal barbieree venni a conoscenza che un altro ragazzo, Mazzini, suo cliente, aveva qualche moto antica e gli stessi interessi, e dell'esistenza di un originale personaggio riminese che usava una vecchia Guzzi Sport 15 per i suoi normali spostamenti, in città e fuori, abbigliato di tutto punto, e che anni addietro usava per gli stessi scopi niente meno che una Indian del 1925. Parliamo di Gianni Mandolesi, noto tra i motociclisti con il nomignolo di "bugia" affibbiatogli per la sua abitudine di "spararle grosse",che diventerà poi il 1° presidente del "Velocifero".Dopo qualche tempo si parlò, il barbiere ed io, dell'opportunità di fare conoscenze comuni, e partecipare assieme a qualche raduno tenutosi nelle vicinanze. Fu così che ci si incontrò al circolo, già degli anarchici di inizio secolo, nel rione Montecavallo di Rimini, dove, fra l'altro, si mangiava bene, si beveva meglio e si pagava poco, gettando le basi per qualche attività motociclistica. Pensammo di apporgiarci per l'organizzazione a qualche club cittadino, e siccome il sottoscritto era amico di Pasolini Massimo, consigliere e Direttore Sportivo del locale Moto Club, e del figlio Renzo, collaudatore e pilota dell' Aermacchi Varese, decidemmo di interpellare il Moto Club Rimini che ci accolse sportivamente e con entusiasmo, come sezione Moto d'epoca del Moto Club Rimini. Partecipammo insieme ad alcuni raduni (Firenze, S.Marino, Ravenna, Foiano ecc.) e altri ne organizzammo, mentre il gruppo delle moto antiche nel frattempo diventava piu numeroso.
http://www.ilvelocifero.it